Google lavora con Square-Enix per portare i giochi su Chrome

Videogiochi nativamente pensati per essere eseguiti sul browser web Chrome. È l’obiettivo della nuova tecnologia approntata da Google e presentata in un evento dedicato tenutosi al GooglePlex di Mountain View, California. La tecnologia è pensata per trarre pieno vantaggio dalle potenzialità hardware dei computer su cui il browser gira. Questo, nei piani di Google, consentirà di eseguire giochi complessi graficamente come quelli per console sul browser web.

All’evento di presentazione ha partecipato anche Square Enix, che è uno dei principali partner di Google nello sviluppo della nuova tecnologia. “Stiamo lavorando insieme per dare inizio a una nuova era”, ha detto Yoichi Wada, presidente di Square Enix. “La nuova tecnologia di Google costituisce un grande cambiamento per il mondo della information technology e dell’industria dei videogiochi”.

Eseguire i giochi sul rowser web, secondo Square Enix e Google, migliorerà l’accessibilità a questi prodotti, e porterà molte più persone a interessarsene. Ma fino a oggi i browser web sono stati molto deboli in questo senso. “Il client di Google risolverà questo problema, è un’eccellente soluzione per il browser gaming”, conclude Wada.

Il gaming su browser avviene tramite la tecnologia open source Native Client, che gli sviluppatori possono utilizzare per mettere a disposizione degli utenti contenuti più ricchi tramite applicazioni web, ad esempio grafica e audio di migliore qualità nei giochi.

I nuovi strumenti di sviluppo di Google consentono inoltre di fare rapidamente il porting del software da console e PC, in modo da renderlo compatibile velocemente con la nuova tecnologia per browser web. Il motore grafico Unity 3D (su cui ad esempio è basato Shadowgun) è già predisposto per la nuova funzione. La tecnologia, oltre che per i giochi, è pensata anche per applicazioni con video e foto.

Per gli sviluppatori di videogiochi si tratta di una nuova interessante opportunità, considerato che Google Chrome è già stato scaricato 200 milioni di volte dal momento in cui è stato reso disponibile. Unity, invece, sta alla base di prodotti giocati da circa 90 milioni di giocatori. Oren Tversky, vice presidente della divisione sviluppo di Unity, dice che con la nuova tecnologia di Google l’esperienza di gioco sarà più immediata per i consumatori, che non dovranno più aspettare lunghe installazioni.

Google sta ancora rifinendo la sua tecnologia, e sta provvedendo all’introduzione del supporto ai gamepad, affinando la gestione della memoria e del networking. “Questi esempi dimostrano l’importanza del Native Client”, ha detto Christian Stevanson, product manager di Google. “I giochi sono una categoria che spinge i confini di ciò che è possibile su una piattaforma”.

Fonte: gamemag.it

 

Ora…parliamoci chiaro… Già la qualità dei giochi squareenix è calata e sta calando in maniera drastica… se passano ai browser game (per quanto evoluti potranno essere)… siamo spacciati.

Vedremo presto un Chrono Trigger anche su Chrome? Sono pronto a scommettere di si…

Posted in News, Varie | Tagged as: , , , , | Leave a comment

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *